26 March 2017

Buon Madrid, ma la Supercopa va al Barça grazie a un Super Messi. Mourinho deplorevole

Giovedì 18 agosto 2011

In un orario inusuale (alle 23, per non disturbare televisivamente i preliminari di Champions!) si è disputato ieri il ritorno della Supercoppa spagnola, il sesto Clásico tra Barça e Madrid in 4 mesi.

Dopo il 2-2 dell’andata in cui il Madrid aveva giocato meglio (ma il Barça era in formazione rimaneggiata), si ripeteva al “Camp Nou”. Protagonista nuovamente Messi, che dopo aver segnato anche all’andata, ha marcato due reti e procurato un assist decisivo.

Al 14’ grandissima azione dell’argentino che a centrocampo fa fuori un paio di avversari e taglia perfettamente la difesa blanca mettendo Iniesta da solo davanti a Casillas: il manchego non ha problemi a saltarlo con un dolce colpo sotto.

Reagisce il Madrid che pareggia dopo 5 minuti con Ronaldo di rapina in area: è la sua prima rete di sempre al “Camp Nou”.

Allo scadere del primo tempo eccellente combinazione in area tra Piqué e Messi che supera Casillas, anche lui con un fantastico colpo sotto di destro.

Nel secondo tempo il Madrid cerca il pareggio e lo trova all’81’ grazie a Benzema che conclude un batti e ribatti in area dopo un erroraccio di Adriano che non spedisce lontano il pallone.

Quando la partita sembra ormai avviata ai supplementari appare nuovamente Super Messi: all’87’ triangolazione Cesc (entrato da poco), Adriano, Messi con la Pulga che di sinistro fa ancora secco il portiere del Madrid.

http://www.youtube.com/watch?v=FKP7UgFhggM

A questo punto alcuni giocatori merengues perdono la testa, probabilmente anche a causa dell’enorme pressione (anche iniettata a dovere dal loro allenatore?). Marcelo si rende protagonista di un’entrata assassina a forbice sulle gambe di Cesc e riceve il cartellino rosso diretto. Ne esce una rissa di tutti contro tutti nella quale vengono espulsi anche Villa e Özil (già in panchina). Mourinho ne fa un’altra delle sue: ficca il dito in un occhio di Tito Vilanova, secondo di Guardiola, salvo poi in conferenza stampa dire di non conoscere «tal Pito o come si chiama». Ennesima pessima figura del tecnico portoghese che non ha mai vinto al “Camp Nou” in nessuna delle sue apparizioni con Chelsea, Inter e Madrid.

Lascia un commento

*