26 March 2017

Finalmente 100 di questi Totò e l’Udinese è già salva, ai primi di febbraio!

Domenica 6 febbraio 2011

Totò Di Natale raggiunge finalmente le 100 reti in Serie A con l’Udinese che supera il (primo) obiettivo della stagione. Guidolin aveva sempre sottolineato l’importanza di ottenere prima possibile la salvezza, fissata a quota 40 punti. Con la vittoria di ieri nell’anticipo contro la Samp (2-0) ci siamo arrivati, già ai primi di febbraio.

Non male, specie se ricordiamo com’era iniziata questa stagione (4 sconfitte consecutive, 1 punto nelle prime 5 partite).

La situazione della Samp è invece sempre più preoccupante. Se Garrone era stato appoggiato nel braccio di ferro contro Cassano, la tifoseria si è arrabbiata non poco per la cessione del bomber Pazzini all’Inter, e vorrei vedere: i blucerchiati si sono ritrovati a gennaio senza i due migliori giocatori e il rinforzo Biabiany non basta. Come conseguenza, arriva l’ottava sconfitta nelle ultime 13 gare.

Guidolin deve rinunciare ancora a Handanovič e a Domizzi, ma recupera Benatia e preferisce Abdi a Pinzi. Ma soprattutto dopo la squalifica ritorna il Niño Sánchez: quando il cileno non è in campo, come contro il Bologna, è un’altra Udinese. I bianconeri sembrano più tonici rispetto a mercoledì e riescono a sbloccare il risultato già al 18’: punizione dalla sinistra di Totò con Sánchez che spizza di testa alle spalle di Curci; è la settima rete del cileno, sempre più sulla strada della maturità (nonostante ogni tanto si perda in qualche dribbling e finezza di troppo).

Al 40’ il momento tanto atteso da tutto l’ambiente friulano: imbeccato da un’azione travolgente del solito Niño, finalmente Totò segna l’agognata CENTESIMA rete in A con la maglia dell’Udinese (in 215 presenze), grandissima soddisfazione e orgoglio per il pubblico friulano.

Sembrava fosse diventato un problema, anche se in realtà come fa notare qualcuno, era a secco solo da due partite; 16 gol per lui in questo campionato, appena sotto a Cavani (17).

Nella ripresa si spera nella terza rete che metterebbe (almeno teoricamente) al sicuro l’incontro. Molte volte abbiamo assistito a inopinati ribaltamenti di risultato e infatti per un paio di volte la Samp rischia di accorciare: prima è Belardi a intercettare un’insidiosa punizione di Ziegler, poi è Mannini con un destro a giro a colpire la traversa. Proprio Mannini, entrato al 75’, subisce una salva di fischi ogni volta che tocca il pallone: nessuno ha dimenticato la partita contro il Brescia allenato da De Biasi del settembre 2004, quando quel giocatore segnò per i lombardi a porta vuota mentre il portiere dell’Udinese De Sanctis era a terra dopo uno scontro con Sculli.

Nel frattempo al 66’ Guidolin aveva tolto Totò per fargli ricevere la meritata ovazione del pubblico. Al suo posto il solito, impalpabile Denis.

Oltre ai due satanassi davanti, nota di merito anche per Zapata, Armero e Abdi.

L’Udinese raggiunge la quinta posizione con 40 punti, anche se bisogna attendere il resto della giornata e vari recuperi.

http://www.youtube.com/watch?v=jwmZ6JefaUI

Dopo 3 partite in 6 giorni, sempre di sera, ora una settimana tranquilla per i bianconeri, attesi domenica alla trasferta di Cesena, per una volta alle ore 15.

Qui l’omaggio a Totò di UdineseBlog:

Lascia un commento

*