30 March 2017

L’Udinese finalmente inizia a funzionare in trasferta

Mercoledì 19 gennaio 2011

Grandissima prova dei bianconeri domenica a “Marassi”. Finalmente l’Udinese riesce a raccogliere un buon risultato in trasferta, dopo lo stretto pareggio di domenica scorsa con la capolista Milan a “San Siro”.

Fa impressione pensare che i ragazzi di Guidolin in due partite consecutive fuori casa hanno marcato ben otto reti! Il tecnico veneto sembra aver ormai trovato il modulo a lui congeniale con tre difensori, cinque centrocampisti con l’aggiunta di Pinzi e i due piccoletti là davanti (sì, proprio quello che non mi convinceva). Punta centrale solo se necessario, negli ultimi minuti; tra l’altro Floro è appena finito in prestito al Genoa, con diritto di riscatto da parte del Grifone; Denis ha invece segnato due reti nel finale delle ultime due partite (per caso?!). Continuo a pensare che se avessimo una punta forte sarebbero guai per tutti. Speriamo solo che Totò e il Niño continuino a giocare (e a segnare) come ora.

Al “Luigi Ferraris” al nel primo tempo bellissima rete con un colpo sotto di Armero (che sembra ormai aver soppiantato Pasquale sulla fascia sinistra) e pareggio di Milanetto con un tiro da fuori area, proprio allo scadere del tempo. Nella ripresa i bianconeri si scatenano: erroraccio del portiere Eduardo con Totò che ne approfitta e insacca a porta vuota (14° rete per il Capitano). Nuovo pareggio di Destro che riprende un suo stesso colpo di testa finito sul palo, poi bellissima combinazione Di Natale, Isla, Sánchez con il Niño che insacca sotto misura la sua quinta rete stagionale. Nel finale la quarta rete, addirittura di Denis, in contropiede su imbeccata di Armero. Poteva terminare con una cinquina l’ultimissima azione già nel recupero, con tre bianconeri contro un difensore, ma Sánchez e Asamoah si ostacolano tra di loro e ne esce solo un palo.

Una domanda: perché l’Udinese è scesa in campo con una maglia bianca e non in bianconero?

Nelle altre partite, il Milan è stato fermato a Lecce sull’1-1, mentre la nuova Inter sembra rigenerata da Leonardo: 4-1 a “San Siro” contro un rabberciato Bologna, con doppietta dello scoppiettante Eto’o e centri di Stanković e Milito. L’immarcescibile Pupi Zanetti ha eguagliato il record di 519 partite in nerazzurro che apparteneva a Bergomi. I nerazzurri hanno recuperato 4 punti in 3 partite sui cugini e sembra una nuova squadra. Sicuramente Leo ha portato una ventata di ottimismo; il brasiliano, forse anche per guadagnarsi la fiducia dell’ambiente, aveva chiesto consigli a Mourinho contrariamente al suo predecessore. Ma sembra di capire che Benítez fosse osteggiato dai giocatori.

Domenica a ora di pranzo Udinese-Inter al “Friuli”, ma prima la Coppa Italia di nuovo a “Marassi”, stavolta contro la Samp.

Lascia un commento

*