24 March 2017

Grande attesa a Barcelona per la partita dell’anno. Abidal convocato! Mourinho: «¡Hoy, mañana y siempre con el Barça en el corazón!»

Martedì 3 maggio 2011

Massima attesa per la semifinale di ritorno di Champions che si disputerà stasera al “Camp Nou” tra il FC Barcelona e il Real Madrid, ultima dello sfibrante filotto dei 4 Clásicos di questi ultimi 18 giorni. In palio la finale di “Wembley” del prossimo 28 maggio.

Nel giorno dell’annuncio dell’uccisione di Osama Bin Laden (e del suo fantomatico DNA), ieri sono arrivate le notizie da Nyon, la sede del UEFA. L’organismo non ha considerato valide né le richieste di squalifica del Madrid (contro ben 8 giocatori avversari per condotta antisportiva), né quelle del Barça (contro le dichiarazioni di Mourinho in conferenza stampa: ma il portoghese ha già un’inchiesta aperta che verrà analizzata il 6 maggio).

Le polemiche tra le due squadre dopo l’andata al “Bernabéu” non si sono ancora placate. Dopo l’espulsione, Mourinho non potrà essere al suo posto; anche se non era obbligato a farlo, ieri il portoghese ha lasciato spazio in conferenza stampa al suo secondo, il basco Aitor Karanka, ex difensore centrale dell’Athletic Bilbao e poi dello stesso Madrid. Ben istruito dal suo superiore, Karanka ha addirittura affermato che «dopo la decisione dell’UEFA, la partita passa ormai in secondo piano». A Madrid credono nella remontada. Secondo Karim Benzema, presente anche lui in conferenza stampa, «il Madrid andrà all’attacco per segnare». Nonostante lo 0-2 dell’andata favorevole al Barça, stasera sarà sicuramente molto difficile per i catalani. Mourinho teoricamente non potrà mantenere nessun tipo di contatto con i suoi collaboratori e non si è capito dove si siederà a vedere la partita, forse nel palco delle autorità.

La grande notizia della giornata è invece arrivata quando Guardiola ha annunciato che tra i giocatori convocati ci sarà anche Éric Abidal, lo sfortunato esterno francese operato per un tumore al fegato il 17 marzo, solo un mese e mezzo fa. Recuperato in tempo record, anche se non al 100% stasera Abidal sarà in panchina e forse disputerà qualche minuto per ricevere l’ovazione del pubblico. Da notare anche tra i 20 convocati per stasera ben 14 sono prodotti della cantera, inclusi i giovani e giovanissimi Jeffren, Fontàs, Thiago, Sergi Roberto, Marc Bartra e il portiere del Barça B Oier.

A parte Abidal (sostituito da Mascherano in mezzo alla difesa con lo spostamento di Puyol a sinistra come martedì scorso), per il resto Guardiola potrà schierare la formazione migliore, con il ritorno di Andrés Iniesta, importantissimo per giocare tra le linee avversarie. Il Madrid arriva invece rabberciato, con Pepe e Sergio Ramos squalificati e Khedira infortunato; Mourinho dovrebbe stavolta dimenticarsi dei 3 mediani, schierando invece Adebayor (o Benzema) e Cristiano davanti, con Özil e Di María a supporto.

Stasera il “Camp Nou” presenterà ovviamente il pienone delle grandi occasioni con un immenso mosaico. Ieri i bagarini chiedevano come minimo 300 euro per un biglietto, 500 per due. Anche stavolta, quasi a sorpresa, ci saremo.

Traducendo Mourinho

Prima dell’inizio di questa lunghissima serie di Clásicos, TV3 (la televisione pubblica catalana) aveva emesso un interessante servizio dal titolo Traduint Mourinho che ripercorre i 4 anni nei quali il portoghese lavorò nel FC Barcelona: iniziò infatti la sua carriera come interprete e assistente (vice) prima di Bobby Robson e successivamente di Van Gaal. Da qui l’origine di uno dei coretti ricorrenti al “Camp Nou”, «Mourinho traductor!». Uno dei momenti più gustosi è quando dopo una vittoria della squadra anche il giovane Mourinho venne chiamato a dire qualche parola dal balcone di plaça Sant Jaume offrendo il trofeo alla gente. Il suo grido fu: «Hoy, mañana y siempre con el Barça en el corazón!» (oggi, domani e sempre con il Barça nel cuore). Parole profetiche…

http://www.youtube.com/watch?v=1XXOfkHl1MY

Se qualcuno volesse vedere il programma intero su YouTube (dura 30 minuti), lo può fare cliccando qui (prima parte), qui (seconda) e qui (terza).

L’animazione della Sky britannica

Per chiudere una peculiare animazione della britannica Sky Sports che ritrae il 5-0 del 29 novembre scorso.

 

Lascia un commento

*