24 March 2017

® “Liguria” e ® “La Piojera” a Santiago

Sabato 24 marzo 2012

Prelibatezze a Santiago, dove diversi amici conosciuti in questo viaggio mi portano in due posti interessanti e molto diversi, il Bar Ristorante “Liguria” e la famosa bettola “La Piojera”.

Il primo è un luogo molto intrigante, a metà strada tra un bar antico e un ristorante;

può contare infatti su due sezioni separate.

In certe parti ricorda forse l’atmosfera di un antico bistrot parigino. Una delle sale da pranzo è accogliente e con un soffitto altissimo e luminoso,

altre zone presentano foto, cartelli e manifesti antichi,

con una sezione dedicata al calcio,

tema che si ripete anche nel bagno (almeno in quello maschile), addobbato con gli scudetti delle squadre cilene: qui in primo piano quello nato come il club degli italiani, l’Audax,

ma anche altri storici, come il Magallanes (in realtà non dell’omonima regione meridionale, ma di un sobborgo di Santiago) o il Palestino (sic).

Passando a temi più prosaici, la cucina del “Liguria” ha un’impronta italiana, ma sapientemente rivisitata da una prospettiva cilena e latinoamericana.

Ordiniamo funghi con provoleta alla parrilla (praticamente al livello argentino),

e un interessante lomo a la palla picante, carne cucinata nel vino con un tocco piccante. Squisito.

Abbandonando per un momento il vino, ci spegne la sete un’ottima birra artigianale alla spina.

Scheda

® Bar Liguria

Ha aperto anche altre due succursali, ma noi siamo andati a quella storica:

av. Providencia 1373, Providencia

Santiago, Chile

Sul simpatico sito, si possono trovare anche delle ricette tipiche.

 

La “pidocchiaia”

Un locale storico di cui più di una persona mi aveva parlato durante il viaggio è la famosa Piojera, qualcosa traducibile come “luogo pidocchioso” o “mercato delle pulci”.

Viene presentato come un luogo storico e bar 100% chileno, la classica picá dove si può mangiare qualcosa in compagnia.

Appartiene alla terza generazione della famiglia che lo fondò quasi un secolo fa (1916) con il nome di “Restaurante Santiago Antiguo”. Secondo la leggenda fu il politico Arturo Alessandri a definirlo così nel 1922 quando, invitato nel posto rimase sorpreso ed esclamò: «Mi avete portato in una simile piojera?!».

È frequentato da gente appartenente a tutte le classi sociali senza distinzioni, anche grazie alla posizione centralissima, vicino al Mercato Centrale (di cui ho parlato qualche giorno fa) ma anche agli uffici del centro di Santiago. Sembra che ci vengano anche alcuni politici e si racconta che nelle sue visite a Santiago Manu Chao organizza proprio qui le conferenze stampa di presentazione ai suoi concerti. Ha resistito stoicamente alla modernità grazie anche alla petizione di molti suoi avventori che hanno protestato contro la sua minacciata chiusura.

L’ambiente è magnifico, con quel gusto di bettola di altri tempi che non sempre si riesce a trovare. Spesso si può anche assistere a concerti di diverso genere.

Non esiste un menù scritto, bisogna farsi consigliare a voce dai camerieri. Di solito vengono proposti piatti semplici a prezzi economici accompagnati anche da strani aperitivi. Se io vado di birra, un’amica si butta sul terremoto (quale concetto più cileno di questo?), una strana combinazione di pipeño (un popolare vino bianco), un po’ di amaro e con una pallina di gelato di ananas sopra, servito in un bicchiere di plastica. Sembra sia stato inventato proprio qui dopo il terremoto del 1985, uno dei tanti che hanno scosso la capitale. Se devo dire la verità non mi convince molto…

Siamo in tre, e la scelta ovvia è condividere una chorrillana, il classico piatto omnicomprensivo e comunitario cileno (ma non solo: il nome deriva dalla città portuaria peruviana di Chorrillos).

Vi si mescolano pezzi di carne (ottima), patate fritte, cipolla fritta, uovo.

Abbondante, ce ne andiamo soddisfatti dalla fantastica bettola.

Scheda

® La Piojera

Aillavilú Nº 1030

Santiago de Chile

Di fronte al Mercado Central

Il sito

 

Comments

  1. maritza says:

    ñam, ñam ….me dio hambre y sed…. :); ambos lugares absolutamente recomendables….lo dice una santiguina!!

  2. Luisa Prieto says:

    Gracias a internet podemos conecer lugares y viajar con la mente conociendo mas de Santiago.
    Lindos y muy tipicos lugares, menos mal que existen!
    Un saludo de Italia.

Lascia un commento

*