23 March 2017

L’İshak-paşa Sarayı, un sogno avverato

Doğubayazıt, sabato 15 agosto

Dogubayazit Ishak-pasa Sarayi 7

Girando un angolo di Doğubayazıt, un’altra visione, il palazzo di İshak-paşa appare sulla collina di fronte a noi alla fine di una serie di tornanti.

Dogubayazit scorcio Ishak-pasa Sarayi

Era dal 2000 che speravo di venirci. Durante il programma per giornalisti che stavo frequentando a Parigi, fui inviato in Turchia insieme ad un’amica brasiliana per un reportage sull’ennesimo avvicinamento del paese all’Unione Europea. Dopo una serie di interviste comuni ad İstanbul ed Ankara ci dividemmo, lei venne qui all’estremo Est, mentre io andai a Diyarbakır (la città più importante del Kurdistan turco, dove me ne capitarono di tutti i colori, ma questa è un’altra storia…).  Allora seppi dell’esistenza di questo posto immaginifico, ma solo dopo nove anni sono riuscito a raggiungerlo.

Dogubayazit indicazione Ishak-pasa Sarayi

Sulla salita, varia umanità.

Dogubayazit salita all' Ishak-pasa Sarayi 1

Dogubayazit Ishak-pasa Sarayi vicinanze 4

Dogubayazit Ishak-pasa Sarayi vicinanze 2

Dogubayazit Ishak-pasa Sarayi vicinanze 1

Dogubayazit Ishak-pasa Sarayi 5

Il Palazzo, a circa 6 km dalla città, ricorda quello delle Mille e una Notte. Iniziato da Çolak Abdi Paşa nel 1685, Bey (Governatore) della provincia di Bayazıt, venne completato solo un secolo dopo (1784) da suo nipote İshak, Bey anche lui. Presenta una miscela di stili: ottomano, persiano, armeno, georgiano, selgiuchide (da Selçuk, dinastia turca orientale del Medioevo).

Dogubayazit Ishak-pasa Sarayi 6

Si trovava sulla Via della Seta e possedeva 366 stanze, delle quali 24 riservate all’Harem, oltre ad un Caravanserraglio per i viaggiatori.

Dogubayazit Ishak-pasa Sarayi foto

I colori ocra della pietra del Palazzo si mescolano con quelli delle strane forme delle montagne che lo circondano, plasmate dal forte vento che soffia quassù e che ha lasciato in superficie solo le rocce più resistenti.

All’entrata l’emozione è forte.

Dogubayazit Ishak-pasa Sarayi portale esterno

Nel primo cortile erano ammessi anche i viaggiatori.

Dogubayazit Ishak-pasa Sarayi primo cortile

Dogubayazit Ishak-pasa Sarayi visitatori 1

Dogubayazit Ishak-pasa Sarayi particolare interno

Solo la famiglia e gli ospiti speciali potevano invece entrare nel secondo cortile, che portava all’haremlik e al selamlık (la zona maschile).

Dogubayazit Ishak-pasa Sarayi cortile interno

Dogubayazit Ishak-pasa Sarayi portale interno

Dogubayazit Ishak-pasa Sarayi particolare portale interno 1

Dogubayazit Ishak-pasa Sarayi particolare portale interno 2

Da qui si arriva anche alla moschea, sotto la famosa cupola.

Dogubayazit Ishak-pasa Sarayi cupola moschea

Dogubayazit Ishak-pasa Sarayi vista dall'interno

Si vedono anche i servizi igienici interni, un’esclusività per l’epoca.

Dogubayazit Ishak-pasa Sarayi servizi igienici

Sulla destra si apre la Sala delle Cerimonie.

Dogubayazit Ishak-pasa Sarayi sala cerimonie

Dogubayazit Ishak-pasa Sarayi particolare interno 2

Dogubayazit Ishak-pasa Sarayi particolare interno 3

Qualche dubbio sorge sulla ristrutturazione che stanno ultimando proprio in questi giorni. Era necessaria una copertura per proteggere le delicate strutture del Sarayı, ma forse questa è troppo intrusiva.

Dogubayazit Ishak-pasa Sarayi copertura

Dogubayazit Ishak-pasa Sarayi visitatori 2

Dogubayazit Ishak-pasa Sarayi sotterraneo

Da una delle finestre sullo strapiombo si scorge una catapecchia di pastori che possiede probabilmente una delle più belle viste della regione.

Dogubayazit catapecchia di fronte Ishak-pasa Sarayi

Dogubayazit Ishak-pasa Sarayi panorama intorno

Dogubayazit Ishak-pasa Sarayi panorama 2

Non lontana sorge un’altra moschea (chiusa) da cui si può godere di un altro panorama spettacolare.

Dogubayazit Ishak-pasa Sarayi da moschea

Sopra di essa, i bastioni costruiti sulla roccia della montagna.

Dogubayazit Ishak-pasa Sarayi fortezza di fronte

Dal bar che si trova al di sopra del Sarayı si può scattare la sua foto più famosa.

Dogubayazit Ishak-pasa Sarayi 1

Respiro profondamente e cerco di immagazzinare ancora un po’ di immagini con gli occhi.Riusciamo anche a trovare una birra Efes, che completa il rilassamento. Altri preferiscono il rakı.

Dogubayazit Ishak-pasa Sarayi 3

Riscendendo verso Doğubayazıt riappare la cima innevata dell’Ararat che era rimasta dietro ad un’altra montagnola.

Dogubayazit vista Monte Ararat

Comments

  1. İSHAKPAŞA SARAYINI ÇOK İYİ BİR ŞEKİLDE TANITTIĞNIZ VE GÜZEL POZLAR ÇEKTİĞİNİZ İÇİN SİZE BİR DOĞUBAYAZITLI OLARAK GERÇEKTEN MİŞEŞEKÜRÜM.
    DOĞU REKLAM.DOĞUBAYAZIT

    • alessandrogori says:

      hi. thanks for your comment, but unfortunately I couldn’t understand a word… do you speak english? could you please translate it?
      best,
      a

  2. Enrico Spano says:

    Ho visitata ai primi di maggio 2024 la fortezza. Condivido l’emozione che si prova: il tempo si dilata, con una giusta fantasia si rivivono momenti che furono di altri e di altre culture. Luogo straordinario. Anche le immagini che ne ho fatte sono molto vicine a quelle di Alessandro.

  3. Giampiero says:

    Ti invidio, sono anni che vorrei andare in zona, ma dopo essermi spinto sino al lago di Van, la stanchezza mi ha
    obbligato al ritorno sulla costa a Marmaris, dove mi sono imbarcato per Rodi, dopo una disavventura alla dogana
    Greca per presunto traffico di tappeti, ma …quando mai!!! ora la situazione politica non è delle migliori, per cui, oltre
    al desiderio di visitare anche la città morta di Ani, mi dovrò accontentare dei resoconti di viaggio, molto belli e
    particolareggiati come il tuo, comunque COMPLIMENTI e beto te. Saluti.

    Giampiero

Lascia un commento

*