13 December 2018

Il giorno dopo

Mercoledì 13 ottobre 2010

Gli avvenimenti di ieri sono ancora molto confusi nella mia testa.

[Read more…]

Dieci anni da QUEL 5 ottobre

Oggi ricorre il decimo anniversario di una delle date fondamentali nella recente storia dei Balcani.

[Read more…]

Insediamento del nuovo Patriarca serbo a Peć

Lunedì 4 ottobre 2010

Ieri si è svolta la cerimonia di insediamento del 45º Patriarca della Chiesa Ortodossa Serba Irinej. Eletto dal Sinodo nello scorso gennaio, aveva sostituito il Patriarca Pavle, rimasto in carica per 19 anni fino alla sua morte avvenuta nello scorso novembre a 95 anni.

La cerimonia, alla presenza del Presidente serbo Boris Tadić, è avvenuta nella sede del Patriarcato serbo alla periferia di Peć, città del Kosovo e Metohija in cui, dall’entrata dai militari della NATO nel 1999, non vive più praticamente nessun serbo a parte i pochissimi che vivono rinchiusi in enclaves [si veda la storia “Scontri in Kosovo dopo Serbia-Turchia. Mitrovica, città divisa, e le enclave serbe” in questo sito].

[Read more…]

Scontri in Kosovo dopo Serbia-Turchia. Mitrovica, città divisa, e le enclave serbe

Giovedì 16 settembre 2010

Al termine della recente semifinale dei Mondiali di basket si sono verificati degli scontri a Mitrovica (Kosovo e Metohija). La città è famosa per essere divisa tra serbi (a nord dal fiume Ibar) e albanesi (sulla riva meridionale). Gli albanesi sono scesi in strada a festeggiare la vittoria dei turchi (sic) cercando di attraversare il ponte che divide le due comunità per raggiungere la parte serba: cinque i feriti, tra i quali un gendarme francese. [Read more…]

Gas e petrolio, la nuova Via della Seta

Posof, lunedì 17 agosto

Tbilisi President George W Bush street 1

Dopo la lunga attesa riprendiamo la strada, forse la più dissestata di tutta la Georgia. Strano che si trovi in queste condizioni perché proprio qui vicino passa il gasdotto Bakı-Tbilisi-Erzurum e soprattutto il celebre “BTC” (Bakı-Tbilisi-Ceyhan): il secondo oleodotto più lungo al mondo, progetto occidentale da quasi 4 miliardi di dollari (30% di “British Petroleum” e vari soci minori, tra i quali anche una partecipazione dell’“ENI” al 5%) con una capacità di un milione di barili al giorno.

[Read more…]