25 July 2017

Tedeschi terzi e la polemica Suárez

Joburg, sabato 10 luglio

La finalina per il terzo e quarto posto, di solito insulsa, ha invece riservato emozioni e buon calcio per un 3-2 finale per i tedeschi che ripetono il terzo posto di quattro anni fa. Magra consolazione. Appena rientrato a Joburg, la vedo nello stesso pub di Melville in cui avevo incontrato la transdnistriana [si veda la storia “Passo falso dell’Italia e una sorpresa”].

Uno dei pochi aspetti interessanti della vigilia è l’attesa di una rete di Miro Klose: l’attaccante di origine polacca si trova infatti a solo un gol dal record di reti marcate ai mondiali (15, di Ronaldo il gordo brasiliano). Inspiegabilmente il tecnico teutonico Löw lo lascia in panchina tutta la partita, da non crederci! Si rivede invece il talento Müller, assente per squalifica contro la Spagna, che sblocca subito il risultato (18’).

Sembrava una partita a senso unico, invece l’Uruguay sorprende e pareggia al 28’ con Cavani imbeccato da Luis Suárez, anche lui al rientro dopo la squalifica per la famosa mano sulla linea di porta all’ultimo minuto dei supplementari contro il Ghana. A questo proposito, negli ultimi giorni si è notata una crociata a tutti i livelli contro il povero Suárez, probabilmente il giocatore più odiato di questo scorcio di mondiali. L’accusa è di aver estromesso l’unica squadra africana con una giocata antisportiva. Ma quale imbroglio, cosa doveva fare, guardare il pallone che entrava? L’arbitro ha concesso il rigore, Suárez è stato espulso e squalificato, e soprattutto Gyan ha avuto la possibilità di qualificare il suo Ghana per la prima volta a una semifinale mondiale, ma l’ha sprecata malamente. Tuttavia le ire di tutti sono state incanalate contro lo “sporco” Suárez. Addirittura c’erano voci secondo le quali la FIFA (Blatter) chiederà all’“International Board” di inasprire le sanzioni in casi simili (forse vogliono fargli tagliare la mano). Ma dai!

Proprio all’inizio del secondo tempo (51’) è di nuovo l’impareggiabile Forlán a portare avanti i suoi, ma è solo un’illusione: la Germania si sveglia e accorcia al 56’ con Jansen e all’82’ fissa il risultato sul 3-2 con Khedira. Purtroppo nell’ultima occasione della partita già nel recupero, ancora Forlán stampa il pallone sulla traversa su punizione, evitando i supplementari.

L’ultima parte l’ho tuttavia seguita con un occhio solo, impegnato com’ero in profonde conversazioni.

Comments

  1. ero in campeggio in hr
    dunque non l’ho vista, e scopro il risultato solo ora leggendo il blog
    peccato per klose (se non fai qualche scelta alla cazzo, oggi il ct non lo puoi mica fare..)
    e ancora grandi ovazioni per forlan, secondo me miglior giocatore del mondiale (avesse avuto un passaporto calcisticamente più rinomato sarebbe in prima pagina tutti i giorni)

    • alessandrogori says:

      oo fii, bentornato!
      eri cosi’ isolato? ma la finalefinale l’hai vista?
      dicono che klose avesse problemi fisici ma, vista l’occasione storica, almeno una parte dell’incontro avrebbe dovuto giocarla anche senza una gamba.
      su forlán, avrai letto (anche sul blog) che è stato insignito del premio come miglior giocatore del mondiale…
      ci si vede presto,
      a

Lascia un commento

*