25 July 2017

Las Capillas de Mármol

Venerdì 3 febbraio 2012

Prima di muovermi ancora verso Sud sulla Austral, mi manca un’attrazione da visitare a Río Tranquillo: sono las Capillas de Mármol, un prodotto delle erosione delle acque del lago General Carrera che hanno modellato nei secoli le rocce calcaree.

Las Capillas si trovano molto vicine al villaggio, ma bisogna trovare almeno sei persone per riempire una barca. Di solito non bisogna aspettare molto, stamattina presto è partita un’escursione senza problemi, ma poi l’afflusso è finito e non sembra più esserci nessuno interessate ad andarci.

Don Juan, uno che organizza queste escursioni, ha saputo che ero disponibile ed è venuto a cercarmi al mio alojamiento. Ma il quorum non si riusciva a raggiungere e abbiamo dovuto aspettare tutta la mattina.

A ora di pranzo siamo (quasi) finalmente pronti, ma approfitto dell’attesa prolungata per gustarmi una carbonada (tipica minestra con carne e verdure) nel baretto/ristorantino di ieri.

Intanto, gli autobus che vanno verso Cochrane stanno per arrivare. Non riuscirò a prendere l’ultimo che passa verso le due di pomeriggio, per cui dovrò inventarmi qualcosa.

Finalmente si parte. Il lago oggi è uno specchio.

Raggiungiamo la barca di Juan.

Le montagne sul lago.

Dopo pochi minuti di navigazione si iniziano a vedere le rocce.

E le prime formazioni che hanno reso famosa questa zona.

Si continua entrando nelle grotte con la barca,

e lo spettacolo aumenta.

Bisogna fare attenzione, alcune rocce affiorano dall’acqua.

Effetti speciali.

Usciamo dalla grotta,

ed entriamo in un’altra.

La parte migliore deve ancora arrivare. Si rientra e l’apoteosi

lascia a bocca aperta.

E ancora.

Queste sono le Capillas ufficiali.

Rientriamo verso Río Tranquilo,  con le montagne come orizzonte.

Comments

  1. …notato niente nella foto presa all’uscita della grotta?
    Il profilo delle rocce pare disegnare un bel cagnolone accucciato!!! 🙂
    Questo viaggio non finisce di stupire… Ancora grazie per renderci così profondamente partecipi di tali bellezze naturali!
    Un abbraccio!

  2. Antonio Francisco Col Osso says:

    sin palabras, bez reca (?)

  3. Hai una “produzione” di articoli tale che non riesco a leggerli tutti!
    Da geologo non posso però non fare un commento a queste bellezze naturali: anche dalle nostre parti abbiamo molti esempi degli spettacoli prodotti dall’incontro dell’acqua con la roccia calcarea…. Ma quei colori (ancor più delle “forme”, molto suggestive anch’esse) sono veramente unici!
    E confermo che il cagnone accucciato balza subito agli occhi…

Lascia un commento

*